Archivio | ottobre 2012

Biscotti alle mandorle e zucchero di canna

Quando ho visto questa ricetta sul sito http://www.ilpastonudo.it mi è piaciuta subito l’idea di fare i biscotti in questo modo (lo trovo molto comodo..) e in più volevo usare lo zucchero di canna integrale di Libero Mondo che è molto particolare, ha un gusto forte e speziato (ricorda quasi il gusto della liquirizia…)

Ingredienti:
300 grammi di farina 00
250 grammi di mandorle con la buccia (o già pelate)
150 grammi di burro
150 grammi di zucchero di canna grezzo
2 uova piccoline o un uovo e mezzo
una presa di sale

Riempire una pentola d’acqua e portarla ad ebollizione. Versarci le mandorle, lasciarle bollire un minuto, poi scolarle e lasciarle intiepidire.
Spellarle una per una (l’operazione sarà veloce e indolore, le bucce vengono via benissimo!) e metterle ad asciugare all’aria su uno strofinaccio pulito.
Quando saranno ben asciutte tritarle con il coltello, in modo molto grossolano (in realtà io le ho tritate velocemente nel robot)

Scaldare il burro al microonde a bassa temperatura in modo che si ammorbidisca senza sciogliersi; a questo punto aggiungere lo zucchero e frullare fino a ottenere una crema bella morbida.
Aggiungere le uova e frullare ancora.

Versare la farina setacciata con il sale e mescolare sempre con le fruste, a bassa velocità, il meno possibile (i biscotti devono essere friabili, se frullate molto attiverete il glutine e diventeranno gommosi); infine aggiungere le mandorle e amalgamare il tutto.

Per chi ha il BIMBY l’operazione è molto semplice e veloce: tritare le mandorle con 2 colpi secchi di Turbo, poi metterle da parte.

Mettere nel boccale il burro e mescolare per 1 min. 37° vel 2. Aggiungere lo zucchero, 10 sec, vel 5. Aggiungere le uova, 10 sec, vel 5.

Aggiungere nel boccale la farina, il sale e mescolare a qualche secondo vel 5. Infine aggiungere le mandorle tritate.

 

Prendere il composto, adagiarlo su un foglio di pellicola e formare un panetto rettangolare alto circa tre centimetri.
Dovete lavorare velocemente in modo che il burro non si scaldi troppo: più il burro sarà caldo, più sarà difficile formare il panetto.

Avvolgere il tutto nella pellicola e mettete a riposare in frigo per alcune ore o per tutta la notte.

Preriscaldare il forno a 170°C, foderare la leccarda del forno con un po’ di carta forno, tirare fuori il panetto dal frigo e tagliarlo a fettine sottili 4 o 5 millimetri; adagiarle sulla leccarda (non c’è bisogno di metterle molto distanti tra loro, crescono pochissimo).

 

Cuocere per 15-20 minuti, controllando.

 

Annunci

Torta soffice alla crema (con fantasma di Halloween..)

Il mio bimbo già da una settimana parla continuamente di Halloween, mi spiega quali scherzi sta progettando per i suoi amici, mi ha annunciato che andrà da solo a suonare ai campanelli a chiedere “dolcetto o scherzett0?” (ha 5 anni e chiaramente non avrà il permesso di farlo…), e ha visto tra i miei libri una raccolta di ricette per bimbi con decorazioni molto carine e fantasiose  a tema Halloween…

Non so da chi abbia preso questa passione per la festa delle streghe, dei pipistrelli e delle zucche intagliate, forse dai suoi amichetti all’asilo..? ma visto che stamattina volevo fare un dolce, l’ho accontentato facendo una torta con una semplicissima decorazione di cioccolata grattugiata (in realtà le intenzione erano molto più nobili.. avrei voluto provare a fare la pasta di zucchero ma mi mancava sia la colla di pesce che i marshmellows…).

E con il BIMBY in 3 minuti ho fatto l’impasto e in 1 minuto (+7 di cottura) la crema!!!

Per il pan di spagna:

250 gr Farina Bianca Tipo 00
250 gr Zucchero
6 Uova (a temperatura ambiente e vanno pesate;è importante che siano lo stesso peso di farina e zucchero)
1 Bustina di Lievito
1 Pizzico di Sale

Versare nel boccale lo zucchero e le uova. 1 Min. Vel.3-4.

Aggiungere la farina, il lievito e il sale. 1 Min. Vel. 4.

Versare il composto in uno stampo , imburrato e infarinato (io ho preso lo stampo in silicone 😉 ), e cuocere in forno caldo. 30 Min. 160°.  cottura ultimata, spegnere il forno e lasciare dentro il pan di spagna 5-10 minuti.

Per la crema:

500 gr Latte intero
100 gr Zucchero
2 Uova + 1 tuorlo
50 gr Frumina
Scorza di  1 limone non trattato

Mettere nel boccale del Bimby la scorza del limone e lo zucchero. 20 Sec. Vel. 7.

Unire gli altri ingredienti. 7 Min. 90° Vel. 4.

Quando il pan di spagna si è raffreddato, tagliarlo a metà con un coltello lungo seghettato  e bagnare le parti interne. Io ho riempito metà bicchiere con acqua, cointreau (liquore di arancio) e un cucchiaino di zucchero. Spargere in modo uniforme il liquido e poi versare metà della crema fredda o tiepida sulla parte inferiore della torta.

Ricoprire poi con l’altra parte del pan di spagna e cospargere con la restante crema.

Ho decorato la torta con cioccolato al latte grattugiato su tutta la superficie. Con il cioccolato bianco ho fatto un fantasmino e con 2 nocciole gli occhi.

 

Marmellata di pesche e mandorle

Questa non l’ho chiaramente fatta adesso.. ma sono rimasta un po’ indietro con l’inserimento dei miei esperimenti… e devo postarla per ricordarmi di farla anche l’estate prossima…

Per ottenere 700-800 gr di marmellata:

1 kg di polpa di pesche a pasta gialla e soda, possibilmente non troppo mature il peso lordo è di circa 1,3 kg

200 g zucchero

1 limone

100 g miele

30 g mandorle (a lamelle)

2 cucchiai di Brandy o Cognac

 

Fare a tocchetti la polpa delle pesche e metterle in una terrina con lo zucchero e il succo di limone. Mescolare bene, coprire e lasciare macerare per 2-3 ore in frigo.

Versare nella pentola la polpa con il succo formatosi e cuocere a fiamma bassa e pentola scoperta per circa 30 minuti.

Sminuzzare il tutto a piacere con il frullatore a immersione. Unire il miele, mescolare bene e cuocere, mescolando frequentemente per 45-60 minuti. La marmellate deve raggiungere la giusta consistenza (fare la prova del piattino).

Unire le mandorle a lamelle (e sono le avete, fate con me: le tagliate con un coltello) e il liquore e riportare a bollore per 5 minuti, mescolando continuamente.

Infine togliere dal fuoco e invasare subito in vasetti ben puliti, sigillarli cavovolgerli e lasciarli raffreddare in quetsa posizione in modo che formino il sottovuoto.

Questa marmellata risulta migliore se assaporata dopo qualche settimana dall’invaso.

Ricetta tratta dalla raccolta “Ancora in dolce compagnia” di Federica Giusti

Tagliatelle alla ricotta, zucchine e fagiolini

Oggi non avevo proprio voglia di un sugo di pomodoro.. e così mi sono ingeniata con quello che avevo in casa e il risultato è stato questo primo di bianco e verse condito…

Per 3 persone (o 2 adulti e 2 bimnbi):

5 nidi di tagliatelle

150 g ricotta fresca (meglio se del casaro)

2 zucchine

una manciata abbondante di fagiolini lessati al dente

2 cucchiai di olio evo + un filo sulle tagliatelle condite

2 cucchiai di parmigiano reggiano

sale, pepe e aglio e prezzemolo (oppure un cucchiaino di insaporitore

Tagliare le zucchine a tocchetti e cuocerle su fuoco vivace per 5 minuti con sale, aglio e prezzemolo (o insaporitore), poi aggiungere i fagiolini tagliati a pezzi  e mescolare bene sul fuoco per 5 minuti.

In una casseruola, mescolare bene la ricotta per renderla una crema liscia e incorporare il parmigiano  e  2-3 cucchiai di acqua di cottura.

Cuocere le tagliatelle in acqua bollente salata per circa 6 minuti, scolarle e unirle al condimento di verdure e di ricotta.

Involtini di fagiolini

Purtroppo il tempo di rilassarmi, accendere il computer e dedicarmi alle mie ricette ultimamente è stato molto limitato, anzi direi: nullo..

Ma in questi 2 minuti liberi, vi descrivo quest’idea per un contorno veloce e saporito:

fagiolini lessati in acqua salata

fette di prosciutto crudo

formaggio Asiago o simili

Tagliate il formaggio in listarelle lunghe e spesse quanto i fagiolini; circondate una listarella di formaggio  con qualche fagiolino e  avvolgete con una fetta di prosciutto.

Disponete gli involtini in una teglia e aggiungetevi sopra un filo d’olio. Infornate quando il forno è caldo a 180° per circa 7-10 minuti (il tempo necessario per far sciogliere il formaggio). Servite caldi.