Archivio tag | zucca

Zucca di Halloween

Ebbene sì, quest’anno abbiamo fatto anche la zucca di Halloween!

Nonostante non sia una festa sentita, non mi entusiasma nè appassiona e penso che sia l’ennesima trovata consumistica.. quest’anno il mio bimbo di 6 anni, Enea, ha programmato il giorno di Halloween con settimane di anticipo e non ho potuto non dargli un po’ di soddisfazione…

Quindi abbiamo comprato una zucca (unica spesa fatta per l’occasione!) e l’abbiamo intagliata. E’ stato molto più semplice di quanto immaginassi e devo ammettere che è stato divertente farla e ne è uscito un simpatico porta-candela.

SONY DSC

Sorvoliamo invece sul giro dai vicini di casa a chiedere “dolcetto o scherzetto”, travestiti da fantasmi (due lenzuolini a cui abbiamo fatto i buchi degli occhi e disegnata una bocca nera)…

Ecco stasera ho avuto la conferma che impiantare una festa in una cultura diversa da quella in cui è nata, è un po’ una forzatura. Però da ogni cosa cerchiamo sempre un lato positivo e quindi ben vengano zucche intagliate e tutte quei fantastici biscotti, muffins e torte a base di zucca che stimolano la fantasia e la creatività..!!

Polpettone di riso

SONY DSC

Le ricette un po’ strane, che mischiano ingredienti vari in modo originale mi attirano sempre.. Ho provato a fare questo polpettone, che in realtà è un primo piatto, trovato su una rivista di cucina.

150 g riso integrale

300 g frutta secca (noci, nocciole, mandorle, arachidi)

100 g lenticchie rosse lessate al naturale

150 zucca pulita

1 carota

1 cipolla

1 costa di sedano

4 uova

50 g pan grattato

1 cucchiaio di erbe aromatiche (prezzemolo, timo, erba cipollina)

3 cucchiai olio evo

brodo vegetale.

 

Lessare il riso nel brodo vegetale. (il riso integrale deve cuocere più tempo del raffinato).

Tritare zucca, carota, sedano e cipolla.

Tritare la frutta secca.

Rosolare le verdure nell’olio 7-8 minuti. Aggiungere pan grattatato, mescolare, unire lenticchie e riso. Poi incorporare la frutta secca , le uova, le erbe aromatiche tritate, sale e pepe.

Foderare con carta da forno, bagnata e ben strizzata, uno stampo da plum cake. Riempirlo con il composto livellando la superficie.

Cuocere in forno a 200° per 50-60 minuti. Servire a fette, eventualmente con una salsina di pomodoro o di formaggio (Sciogliere sul fuoco basso o in microonde 3 Fettine Inalpi con un cucchiaio di latte e 1 di Parmigiano. Spolverare con pepe o curry)

SONY DSC

Maccheroni con zucca, zucchine, prosciutto e rucola

Un primo piatto nato un po’ per caso, con quello che avevo in frigo, ma mi segno gli ingredienti perchè mi è piaciuto tantissimo e devo ricordarmi come rifarlo…! Ottimo con questo caldo anche come piatto unico…

Per 3-4 persone:

250 g. maccheroni

2 zucchine medie

una fetta di zucca tonda cotta al forno

mezza cipolla

una fetta di prosciutto crudo spessa 3mm circa

fiori di zucchine

un mazzetto di rucola

un cucchiaino di insaporitore (o sale e prezzemolo)

olio extraverginedi oliva

 Soffriggere la cipolla con un cucchiaio di olio e uno/due di acqua per 5 minuti in una padella antiaderente capiente. Aggiungere le zucchine tagliate a piccoli cubetti e l’insaporitore  e cuocere con coperchio per circa 10 minuti (se rischiano di attaccarsi, aggiungere un po’ d’acqua).

 

Un minuto prima di ultimare la cottura aggiungere: la zucca a pezzetti, i fiori tagliati a piccoli pezzi (dopo avere eliminato il picciolo) e il prosciutto tagliato a listarelle e mescolare. Spegnere il fuoco e aggiungere la rucola tagliata a piccoli pezzi con le forbici.

Cuocere la pasta, scolarla e unirla al condimento, aggiungendo un filo d’olio a crudo.

Buon appetito!

Risotto alla zucca e tarassaco

Il tarassaco ha proprietà medicinali conosciute sin dall’antichità: infatti taraxakos in greco significa “io guarisco”.

Oltre ad essere diuretico (da qui il più comune nome ‘piscialetto‘!), il tarassaco ha anche proprietà antinfiammatorie, purificanti, e disintossicanti nei confronti del fegato. Gli effetti diuretici e l’abbondanza di potassio possono contribuire a regolare la pressione arteriosa. Inoltre è in grado di influire sulla predisposizione che l’organismo ha alla formazione di calcoli.

Il tarassaco cresce spontaneamente e in abbondanza (anche nel mio giardino!) e domenica l’ho raccolto fresco e tenero in un campo; ho provato a mangiarlo crudo in insalata, come mi hanno consigliato alcune amiche, ma è troppo amaro per i miei gusti.. allora stasera ho pensato di abbinarlo al sapore dolce della zucca…

Per 3 persone (2 adulti e 2 bimbi):

250 g. riso (carnaroli o arborio)

circa 200 g. zucca a pezzetti

3 manciate di tarassaco

1/2 cipolla media

1 cucchiaio olio evo

1 dado vegetale bio

acqua (poco più del doppio del volume del riso)

facoltativi: parmigiano, una noce di burro, semi di zucca

Ho fatto soffriggere la cipolla con l’olio nella pentola a pressione (aperta) e nel frattempo ho tagliato le foglie di tarassaco. Ho aggiunto il riso, la zucca e il tarassaco e ho mescolato, sempre sul fuoco basso. A parte ho scaldato l’acqua e vi ho fatto sciogliere il dado (perchè quelli bio non si sciolgono bene come gli altri), poi l’ho aggiunta al resto e ho chiuso la pentola a pressione. Da quando comincia a fischiare, abbassare il fuoco al minimo e dopo 8 minuti il riso è pronto! Mantecare con burro e parmigiano a piacere e decorare con semi di zucca.

Prima di conoscere mio marito, non avevo mai visto fare il risotto nella pentola a pressione… ma devo ammettere che è una valida alternativa alla cottura tradizionale, soprattutto se al momento di cucinare il tempo è poco e la fame è tanta…!                                                                                                                  Per regolarsi sull’acqua necessaria, pesare il riso in una tazza; la quantità giusta di acqua è il doppio del volume che occupa il riso. Se la ricetta prevede anche verdure (come in questo caso), aggiungete un po’ d’acqua.