Archivio | agosto 2012

Involtini di lonza di suino, provola e carote

L’ispirazione è venuta da un piatto sentito a un pranzetto di Priscilla (http://cucinoeracconto.blogspot.it/).

Esperimento, direi, ben riuscito!

Avendo improvvisato, non ho le dosi precise…

Un pezzo di lonza di suino

Fette sottili di provola (o edamer)

Carote

Latte e olio e.v.o.

sale e curry

Mettere in freezer la carne e toglierla qualche ora prima di cucinarla. Quando si è scongelata la parte esterna ma è ancora dura all’interno (in estate bastano 2 ore), tagliare fette sottili con l’affettatrice (si riesce anche con il coltello ma con l’affettatrice vengono meglio e più uniformi).

Tagliare a listarelle lunghe circa 3-4 cm le carote e cuocerle in microonde dentro a un contenitore di vetro con un dito d’acqua salata – ricoprire il contenitore con la pellicola trasparente, ricordandosi di forarla con una forchetta per lasciare uscire l’aria. Cuocerle alla massima temperatura per circa 5- minuti. Devono rimanere sode.

Stendere le fette di carne sopra a un piano, icoprirle con una fetta di formaggio e un pezzo di carota e avvolgere la carne, cercando di chiudere bene l’involtino (in modo da evitare la fuoriuscita del formaggio durante la cottura).

Ungere una padella anti-aderente e scottare gli involtini a fiamma alta, girandoli spesso. Salare e aggiungere il curry. Sfumare con un po’ di latte caldo e terminare la  cottura a fiamma bassa con coperchio.

n.d.r. Si possono passare gli involtini nella farina prima di cuocerli. In questo modo dovrebbero fare un sughino più cremoso. Io ci ho pensato quando era troppo tardi..

Servire caldo.

Annunci

Maccheroni con zucca, zucchine, prosciutto e rucola

Un primo piatto nato un po’ per caso, con quello che avevo in frigo, ma mi segno gli ingredienti perchè mi è piaciuto tantissimo e devo ricordarmi come rifarlo…! Ottimo con questo caldo anche come piatto unico…

Per 3-4 persone:

250 g. maccheroni

2 zucchine medie

una fetta di zucca tonda cotta al forno

mezza cipolla

una fetta di prosciutto crudo spessa 3mm circa

fiori di zucchine

un mazzetto di rucola

un cucchiaino di insaporitore (o sale e prezzemolo)

olio extraverginedi oliva

 Soffriggere la cipolla con un cucchiaio di olio e uno/due di acqua per 5 minuti in una padella antiaderente capiente. Aggiungere le zucchine tagliate a piccoli cubetti e l’insaporitore  e cuocere con coperchio per circa 10 minuti (se rischiano di attaccarsi, aggiungere un po’ d’acqua).

 

Un minuto prima di ultimare la cottura aggiungere: la zucca a pezzetti, i fiori tagliati a piccoli pezzi (dopo avere eliminato il picciolo) e il prosciutto tagliato a listarelle e mescolare. Spegnere il fuoco e aggiungere la rucola tagliata a piccoli pezzi con le forbici.

Cuocere la pasta, scolarla e unirla al condimento, aggiungendo un filo d’olio a crudo.

Buon appetito!

Pan bauletto all’avena

Mi sono avanzati i fiocchi d’avena con cui preparavo la pappa al pupo durante lo svezzamento… ho provato a metterli nell’impasto del pane e il risultato è stato una sorpresa: pane sofficissimo dal gusto delicato!

200 g. farina manitoba Molino Chiavazza

100 g. farina 00 Molino Chiavazza

100 fiocchi d’avena

200 g. acqua

100 g. latte

1/2 panetto di lievito

1 cucchiaino sale

1 cucchiaino zucchero

circa 50ml olio e.v.o.

Impastare e lasciare lievitare 2 ore in luogo fresco e non ventilato (io metto in forno spento o a 40° se voglio diminuire un po’ il tempo di lievitazione).

Stendere l’impasto con le dita, creando un rettangolo lungo come lo stampo e arrotolarlo.

  

Porlo nello stampo con carta da forno.

Lasciare lievitare 1 ora, preriscaldare il forno a 190°.

Cuocere per 30 minuti sopra e sotto e poi 10 minuti solo sotto.

Importante: non aprire mai il forno durante la cottura!

Lasciare nel forno spento per 5 minuti, poi metterlo su un tagliere o una griglia.

Meglio tagliarlo quando si è raffreddato.

Succo di frutta

Facilissimo fare il succo di frutta in casa! Ho seguito le indicazioni di Ilpastonudo.it…
1 kg di frutta matura (io l’ho fatto con le pesche)
200 grammi di zucchero (metà bianco e metà di canna grezzo chiaro)
400 grammi di acqua pura
mezzo limone

Mescolare l’acqua con lo zucchero, metterla sul fuoco, calcolare tre minuti dalla bollitura (e intanto sbucciare la frutta), poi mettere la frutta in pentola, cuocerla per cinque minuti mescolando ogni tanto, lasciar intiepidire, aggiungere il limone, frullare bene con il frullatore a immersione, aspettare che si raffreddi, e bere (diluendo con altra acqua – quanta ve ne piace).

Per conservarlo (per 2-3 settimane) basta seguire il procedimento delle marmellate: bottiglia sterilizzata in forno, tappo nuovo (e sterilizzato pure lui), versate il succo di frutta bollente, chiudete bene, capovolgete, aspettate che si raffreddi (e che si crei il sottovuoto), dopo di che mettete le bottiglie a bollire di nuovo in acqua e aceto (per evitare il calcare sulla bottiglia – consiglio puramente estetico) per una mezz’oretta, poi lasciare raffreddare in pentola coperta fino a quando è tutto ben freddo.